DeVore Fidelity Orangutan un trionfo di musicalità, su Stereophile ! -
671
post-template-default,single,single-post,postid-671,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.4,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive
 

DeVore Fidelity Orangutan un trionfo di musicalità, su Stereophile !

01 Feb DeVore Fidelity Orangutan un trionfo di musicalità, su Stereophile !

O:96 pag.01

Anche Art Dudley ha ceduto al fascino che emanano i diffusori di John Devore.

Stereophile del dicembre scorso ha regalato una spettacolare recensione delle DeVore Fidelity Orangutan O/96 ai suoi fedeli lettori.

“…rileggendo tra le mie note di ascolto, non riesco a ricordare un solo brano che non fosse estremamente affascinante ascoltare con queste Devore Fidelity…” Questa è solo una delle dichiarazioni che si possono leggere nella recensione di sei pagine fatta da Art Dudley, una delle firme storiche di Stereophile.

O:96 pag.02

“…la O/96 è un diffusore estremamente ben costruito, dotato di una combinazione di virtù, che lo rende per quanto mi risulta, un diffusore veramente esclusivo…”

La dedizione che John Devore dedica nella realizzazione dei suoi progetti ha raggiunto nelle O/96 obiettivi di altissimo livello.

L’intento di progettare un diffusore facile da pilotare anche con un ampli a valvole, con una spiccata musicalità e pienezza timbrica, soundstage esteso e sonorità realistiche e coinvolgenti, ma che non soffrisse dei problemi tipici dei diffusori ad alta efficienza, come una risposta in frequenza limitata e poco corretta, imprecisa integrazione tra i driver, una significativa colorazione o un difficoltoso posizionamento in ambiente, è stato brillantemente raggiunto.

O:96 pag.04

Anche il confronto con i blasonati diffusori in possesso a Art Dudley, ne ha decretato un tale successo da inserirla immediatamente nelle primissime posizioni della prestigiosa “Recommended List” di Stereophile.

Clicca qui per la recensione originale di Stereophile

Cliccare qui per scaricare la traduzione in italiano della recensione integrale di Art Dudley

No Comments

Post A Comment